Non hai articoli nel carrello.

Il gruppo come modalità di lavoro psicologico-clinico

M. G. D'Angelo - G. Ruvolo
  1. 5%
€ 7,00 € 6,65
Prodotto non più disponibile presso l'editore. Rivolgiti alla tua libreria di fiducia.
Il Consiglio dell'Ordine degli Psicologi della Regione Siciliana ha progettato ed organizzato questo seminario di studio sul gruppo grazie alla sollecitazione di alcuni consiglieri, ritenendo che argomenti e riflessioni su temi e specifiche competenze debbano rientrare in quell'arricchimento culturale e scientifico cui ogni professionista deve tendere.
Una visione moderna, attuale dell'Ordine professionale, così come si sta delineando anche nel progetto di riforma, tenede sempre più verso una maggiore tutela delll'utente, il quale - in una condizione di libero e competitivo "mercato" professionale - necessita di avere garanzie, non soltanto sul possesso da parte del professionista del requisito minimo di accesso alla professione, ma soprattutto della sua compentenza, realmente adeguata a soddisfare i bisogni emergenti.
Maria Gabriella D'ANGELOPsicologa psicoterapeuta - Modulo dipartimentale di Salute Mentale n.1, ASL 6 - PalermoGiuseppe RUVOLOProfessore straordinario di Psicologia DinamicaDipartimento di Psicologia - Università degli studi di Palermo

  1. Presentazione
  2. Prefazione
  3. Introduzione
  4. Il gruppo come dispositivo naturale/culturale di cura
  5. Il gruppo esperenziale e la formazione del volontariato
  6. Il gruppo di supervisione come elaborazione del compito istituzionale
  7. Lessico onirico nel gruppo analitico
  8. I gruppi di psicodramma con adolescenti
  9. Il trauma, il gruppo e la cura
10. La valutazione della formazione attraverso il gruppo psicodinamico
11. Il gruppo nell'istituzione scolastica
12. La dinamica di gruppo come strumento nel percorso formativo per psicoterapeuti
13. Il gruppo secondo il modello funzionale
14. Il gruppo contenitore di "mal-non-contenuti"
15. Un intervento di gruppo "possibile" su minori a primo reato
16. Il gruppo a tempo determinato con pazienti oncologici
17. Un'esperienza di gruppo transculturale